Pagina:I precursori di Lombroso.djvu/100

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
96 i precursori di c. lombroso

sempre indovinate per l’efficacia della espressione mimica. Riporterò a titolo di saggio qualcuna delle pagine più originali di questo importante fisionomista. Ecco uno dei tanti sonetti posti sotto alle figure:

Non nigri aut albi, at mulier mediocris ocelli,
Prudens, fida, bonis moribus esse solet.




Dal meriggio fulgor ai bei splendori
     Sia, che l’occhio si abbagli e si confonda,
     Nelle tenèbre dei notturni orrori
     Sia che il mondo si perda e si diffonda;
Ma fra l’estremità di quei colori
     Un mezzo Sol di immensa lode abbonda,
     Che mescolando in sè quei varii errori
     Rende alla vista altrui luce gioconda.
O di Donna pudica occhio lucente
     Che la natura provvida compose
     D’un misto perfettissimo e fulgente.
Porti tu la Vertà ne i lampi ascose
     E la Sagacità d’alma prudente
     In te con larga mano il Ciel ripose.

Del Sig. Nonio Verace.


Questi sonetti sono di varî autori, letterati, accademici di professione e dilettanti, che si rivelavano cultori appassionati di Fisionomia.

Della fisionomia dell’uomo. — Deca seconda. — Fra le parti del nostro corpo la fronte obbidientissima si mostra nel palesare gl’interni affetti dell’anima; a piedi di questa ardono di continuo le fiaccole nobilissime degli occhi, acciò