Pagina:Il Bardo della Selva Nera.djvu/28

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
16 il bardo

Notte del Mondo concedea la cura.
Ed ella del regal suo velo eterno
Spiegando il lembo raccendea negli astri
325La morta luce, e la spegnea sul volto
Degli stanchi mortali. Era il tuon queto
De’ fulmini guerrieri, e ne vagava
Sol per la valle il fumo atro, confuso
Colle nebbie de’ boschi e de’ torrenti:
330Eran quete le selve, eran dell’aure
Queti i sospiri; ma lugubri e cupi
S’udìan gemiti e grida in lontananza
Di languenti trafitti, e un calpestìo
Di cavalli e di fanti, e sotto il grave
335Peso de’ bronzi un cigolío di rote,
Che mestizia e terror mettea nel core.


Fine del Canto Primo.