Pagina:Il Dio dei viventi.djvu/120

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 114 —

chiudeva forte ed esse si aprirono acute e minacciose; la molla nuova flessibile come un bruco funzionava benissimo.

— Non sono venuto prima — disse — perchè m’è accaduto un sacco di accidenti; l’avrete saputo.

Il vecchio l’aveva saputo, ma non gliene importava niente: cadesse il mondo il suo pensiero non poteva essere distolto dal suo punto fisso.

— Fate anche da calzolaio, a quanto vedo — osservò Zebedeo.

— Arrangiarsi bisogna; Dio ci ha dato le mani per far di tutto.

— Anche per rubare.

Il vecchio rispose come l’eco alla voce del cuculo.

— Anche per rubare.

E ficcava forte la lesina nel cuoio.

Zebedeo lo guardava pensando a Lia che pur essa lavorava di notte e sperava vendetta dalla forza del suo odio.

— Zio Michele, se permettete mi metto a sedere qui sul ceppo ove ferrate i cavalli; è una sedia che non tentenna. Ah,