Pagina:Il Dio dei viventi.djvu/153

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 147 —


— Va bene; allora manderò zio Michele a chiederti in isposa per me. Intanto, che facciamo? Andiamo al fiume?

— Sta qui, — disse il vecchio, quasi diffidasse a lasciarli andar soli, — torneranno i fratellini a cercarla. Ecco due ragazzi laggiù; forse son loro.

— Io non voglio dargliela più; l’ho trovata ed è mia.

Ella già profittava della sua potenza; gli tolse il berretto e se lo mise in testa.

— Rimettimi subito il berretto in testa!

— Noe.

— Subito! Altrimenti ti metto giù e ti faccio mangiare da zio Orco; vedilo lì l’Orco; lo vedi?

Allora Ella reclinò la testina sulla spalla e lo guardò lusinghiera.

— Regali berretto Ella?

— Ah come sei furba! E prendilo pure. Tanto tutto quello che è mio sarà tuo.

Due ragazzetti intanto s’avanzavano, ma non erano i fratellini di Ella; e non avevano l’aria di monelli; s’avanzavano con calma discutendo di cose astruse; ed erano