Pagina:Il Dio dei viventi.djvu/152

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 146 —


Cominciò a giuocare davvero con la bambina; si sfioravano la guancia con la guaucia, si morsecchiavano, volgevano il viso fingendo di guardar lontano, di non vedersi più, e poi lo rivolgevano l’un verso l’altra con un grido di sorpresa, per spaventarsi a vicenda.

Il vecchio li guardava.

— Quanti anni hai? — domandò a Bellia.

— Sedici.

— La creatura ne avrà tre. Sei troppo vecchio per poterla sposare.

E Bellia provò un senso misterioso di gioia, come per una rivelazione. Sì, poteva un giorno sposarsi, aver figli anche lui: ci aveva pensato già qualche volta ma vagamente solo per calcolo o per uno stimolo sensuale; adesso era altra cosa. Gli sembrava di abbracciare nella bambina una donna ch’era insieme sua moglie e sua figlia; che gli destava piacere e tenerezza assieme.

— La sposerò lo stesso, — gridò. — Vero che ci sposiamo? Mi vuoi, Ella? Ti piaccio?

— Piace, Ella.