Pagina:Il Dio dei viventi.djvu/161

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 155 —

in sudore coi capelli irti: poichè il rimorso di aver spaventato la ragazza e d’essere causa del suo male lo agitava, e i gridi di lei parevano l’eco del suo urlo diabolico.

E i gridi continuavano. In breve tutti di casa, anche zia Annia, furono nella camera della serva. Ella stava seduta sul suo lettuccio basso disfatto: piegata su sè stessa si tirava in giù le trecce lunghe come due corde nere.

Quando i padroni la circondarono cominciò a dondolarsi tutta esclamando:

— Che ho veduto io! Che ho veduto io! Che ho veduto io!

— Avrà sognato l’inferno, — disse Bellia deridendola; perchè aveva l’impressione ch’ella recitasse una commedia.

La ragazza cadde in ginocchio, sempre tirandosi in avanti le trecce che arrivavano fino a terra; e cominciò a piangere.

— Ho sognato che morivo, — raccontò poi, calmata dalle sue lagrime e dalle carezze che la padrona le faceva sulle spalle; — il Rettore in persona era venuto per