Pagina:Il Dio dei viventi.djvu/222

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 216 —



Anche il padre preferiva l’insolenza sana alla passività malaticcia di Bellia.

E poichè anche l’ospite gioviale era a passare il sabato e la domenica con la famiglia, furono di nuovo due lieti giorni di baldoria omerica.

Il sabato vi fu banchetto dall’ospite: la domenica dai Barcai. Un’aria di festa spirava anche sul mare: il venticello di ponente increspava l’acqua così limpida sulla sabbia ondulata che pareva l’acqua d’una fontana e quasi invitava a berla.

Molta gente estranea, del paese e dai paesi più lontani, era scesa alla spiaggia; si vedevano qua e là famiglie di scarpe abbandonate sulla rena, e ragazzi che correvano lungo la riva e pareva non dovessero fermarsi mai.

Per rendere più allegro il pomeriggio festivo l’ospite invitò il suonatore di fisarmonica. Le donne ballavano fra di loro; i