Pagina:Il Dio dei viventi.djvu/59

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 53 —


Il padre sentì tale ira che se avesse avuto il facile avrebbe ammazzato il puledro.

— Lavati la mano con questo, — gridò traendo dalla bisaccia una piccola zucca piena di vino.

Bellia prese la zucca e bevette il vino.

— Fa più bene dentro che fuori, — disse riprendendo la sua allegria.

E non volle neppure fasciare la mano, che del resto era appena scalfitta sul dorso dai denti del puledro: anche questo, compiuta la sua prodezza e stordito dai pugni che il giovane continuava a dargli sul muso e sugli occhi, s’era dato per vinto: solo torceva la testa e batteva a terra una delle zampe posteriori come per chiedere di finirla e di ripartire.

Bipartirono: e solo quando furono in vista del paese il padre riprese il discorso interrotto dalla fuga del puledro.

— Chi ti ha detto che io ieri notte sono stato da quella donna?

Anche lui pur evitando gli epiteti selvaggi che gli altri davano a Lia non osava chiamarla col suo nome.