Pagina:Il Dio dei viventi.djvu/94

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 88 —

pozzo dove Rosa e la padrona rosse e sudate attingevano l’acqua e la versavano nelle secchie, e prese due di queste; e per qualche minuto non fece altro che correre dalla tettoia al pozzo e dal pozzo alla tettoia e lanciare acqua sul fuoco. Anche gli altri, uomini e donne, facevano lo stesso: i vicini di casa portavano l’acqua dai loro pozzi, i bambini aiutavano; e tutti pareva si divertissero. Ma l’incendio continuava e anche le fiamme avevano qualche cosa di allegro, alimentate anzichè abbattute dagli sputi dell’acqua.

I cavalli nitrivano e scalpitavano nella stalla; già una trave della tettoia dapprima annerita fumava e s’accendeva in cima come un sigaro.

Allora Zebedeo, acciecato dal fumo e dall’angoscia, s’accorse che Bellia aveva appoggiato una scala di fuori e smoveva le tegole del tetto.

— Largo, — gridava. — Adesso smuovo la trave e la faccio andar giù.

Tutti si scostarono, coi secchi in mano, guardando in alto: in breve s’udì uno