Pagina:Il Marchese di Roccaverdina.djvu/140

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

― 136 ―


— Ditegli che lo ringrazio, e che poteva far a meno di suggerirvi una sciocchezza... E sposatevi, sposatevi pure! È libera, vi ripeto. Io non c’entro, nè voglio entrarci... Subito vi sposereste?

— Bisogna cavar fuori le carte e fare i bandi in chiesa.

— E la condurreste a Modica?

— Se voscenza permette.

— Io non c’entro; non volete intenderlo? — urlò il marchese.

Era rimasto turbato. Per poco non gli sembrava che Agrippina Solmo gli facesse ora un altro tradimento; giacchè doveva essere di accordo con lui, se pure quel tentativo non nascondeva un’insidia, un mezzo di rammentare a lui, marchese, che ella era viva e che si teneva ancora come legata!... Sposasse! Purchè gli si levasse di torno!...

Non voleva darle neppure la soddisfazione di rinfacciarle la sua infamia!

Aveva dunque fretta di riprendere marito?

E una sconcia parola gli uscì di bocca, quasi la Solmo fosse là, a riceverla, in pieno viso!

Per sfogo, ne parlò con mamma Grazia.

— Meglio così, figlio mio!

— Se venisse, bada!... non voglio vederla!

— La ha incontrata parecchie volte a messa. Ultimamente mi ha domandato: “È vero che il marchese prende moglie?„