Pagina:Il Marchese di Roccaverdina.djvu/310

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

― 306 ―

Se lo prenda. — Era proprio nel cuore di Margitello, e di tratto in tratto il vecchio alterava il limite.... I contadini quando possono rubare un palmo di terreno, non hanno scrupoli. Compare Rocco, buon’anima, non era omo da lasciarlo fare, nell’interesse del padrone. — E il marchese non ne troverà un altro eguale, eccellenza! — Il vecchio si era dunque presentato dal marchese: — Voscenza vuole quel pezzo di terra? E se lo prenda! — Poi il vecchio si era pentito. Veniva a piangere là, quasi ci avesse un morto... Che colpa n’aveva il padrone? E ora, per fargli dispetto, si è impiccato a un albero.... Chi se n’era accorto? Spenzolava davanti la casetta.... Le mule della carrozza - gli animali hanno il fiuto meglio di noi cristiani - non volevano andare nè avanti nè indietro. Io guardo attorno per vedere di che cosa s’impaurissero le povere bestie... Ah, Madonna santa! Salto giù di cassetta, scende di carrozza anche il marchese, tutti e due più pallidi del morto. Non lo dimenticherò finchè campo!... Pavonazzo, con gli occhi e la lingua di fuori.... Lo tocco; era freddo!... Allora siamo tornati a Margitello.... Il marchese, sturbato, non poteva parlare.... Ha dovuto buttarsi sul letto. Ora sta meglio.... E mi ha mandato per avvertire voscenza. Devo andare dal pretore e dai carabinieri.... Il morto è là, che spenzola ancora.... Ha voluto dannarsi!

La marchesa era stata ad ascoltare senza inter-