Pagina:Il Marchese di Roccaverdina.djvu/59

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

― 55 ―

VI.


A Ràbbato si era già saputo, per telegrafo, la notizia della condanna di Neli Casaccio:

— Quindici anni!

E due giorni dopo, i testimoni, di ritorno, erano assediati dalla gente che voleva conoscere tutti i particolari della causa.

Neli, appena udito — Quindici anni! — si era coperto il volto con le mani scoppiando in singhiozzi. Poi, levata in alto la mano destra, aveva gridato:

— Signore, lo giuro al vostro divino cospetto: Sono innocente! E se non dico la verità, fatemi cascare morto, qui, davanti a voi!

Nella sala tutti gli occhi si erano rivolti verso il Crocifisso appeso alla parete dietro il seggio del Presidente, quasi il Crocifisso avesse dovuto dare davvero la risposta al gesto e alle parole del condannato. Ma i carabinieri, prèsolo per un braccio, lo