Pagina:Il Mistero del Poeta (Fogazzaro).djvu/139

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

il mistero del poeta 135



XV.


La lettera di miss Yves mi aspettava all’albergo. È la sola che non ho conservata. La bruciai dopo averla letta o riletta infinite volte, in un impeto d’orgoglio, di gelosia, non potendo sopportare presso a me certe parole che mi dovevano guarire col ferro e col fuoco e solo mi mettevano una febbre amara, che conoscevo, che avevo prevista, che tanto più m’irritava quanto più ero sicuro di vincerla. Non ricordo l’esordio troppo bene. Miss Yves cominciava, mi pare, con attribuire in gran parte alla sorpresa il suo turbamento della sera precedente, e parlava poscia con gratitudine delle lettere in cui le avevo aperto l’animo mio: prometteva serbarne affettuosa memoria. Non dimenticai una sola delle parole che seguivano.