Pagina:Il Mistero del Poeta (Fogazzaro).djvu/140

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
136 il mistero del poeta


«Vi hanno per me invincibili ragioni di non andare più oltre. Se lo facessi, mi risospingerebbero indietro i rimproveri del mio passato, l’impero del presente, le minaccie dell’avvenire.

«Mi sono convinta, dopo una notte di riflessioni non piacevoli, che devo essere ancora più dura di così. Fin da quando c’incontrammo la prima volta con simpatia ebbi lo stesso concetto della mia situazione che ne ho in questo momento. Io fui debole anche iersera. Devo impedirmi simili debolezze per l’avvenire, devo pregarla di considerare cessata ogni relazione fra noi, meno che nella memoria. Se ella non accetta e cerca vedermi ancora dovrò mostrare d’aver perduta anche la memoria di Lei.

«Non è vero ch’Ella non m’infliggerà un simile dolore? Ciò che Le ho scritto è la mia inflessibile volontà. Se questo può temperare la sua passione, sappia che io ho amato anni sono come non potrò amare mai più e mi sarebbe vergogna se lo potessi. Ella non saprebbe rendermi nè felice, nè infelice quanto un altro mi ha resa.»

La mia mano vibrava di commozione tenendo