Pagina:Il Mistero del Poeta (Fogazzaro).djvu/237

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search




XXV.


Alle dieci la mattina seguente ero già fuori della Westenvorstadt. Luise comparve colla sua sorellina all’ora indicatami. Era molto pallida e seria; pareva commossa quanto me. Io aspettavo in silenzio che parlasse. Avevo inteso la sera prima, e ora il suo viso mi confermava che sapeva tutto; ciò e l’aspettazione affannosa mi toglievan la voce. Ella mi guardò, sorpresa del mio aspetto; quasi atterrita, mi parve. S’affrettò a dirmi che aveva per me un saluto, un solo saluto. Sentivo che aveva altre cose a confidarmi e non ne trovava la via; nè io trovavo la via d’aiutarla. Non seppi dirle che questo: