Pagina:Il Mistero del Poeta (Fogazzaro).djvu/24

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
20 il mistero del poeta

i benefici di una pura e intima amicizia di cui avevamo forse bisogno ambedue.

Allora mi avvidi con sgomento che non l’amavo affatto, tanto mi gelò questo discorso; mi dissi ch’ero caduto da stupido nel laccio d’una civetta sleale, ma pure mentii per un falso sentimento d’onore, non accettai l’uscita ch’ella mi offriva, le risposi che l’amicizia non poteva bastarmi. Iddio sa se fui punito di una tale viltà, quando la raccontai palpitando a lei, insieme a tutti i falli, a tutte le miserie che mi rendevano indegno di quell’amore sublime. Una tenera parola grave, un bacio delle sue labbra mi hanno rifatto puro, come ci rifà puri l’onda d’infinito che passa talvolta per l’anima nostra dopo la preghiera; non sento più dolore nè vergogna di quel passato.

Tale fu l’origine del mio legame. Non credo che neppure la signora m’abbia veramente amato mai. Credo che le dicerie sparse prima d’allora su lei e il marito d’un’amica sua fossero false; ch’ell’abbia pensato un modo, poco felice, di smentirle; che la vanità l’abbia indotta a sceglier uno che scriveva versi di cui la gente e i