Pagina:Il Mistero del Poeta (Fogazzaro).djvu/25

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

il mistero del poeta 21

giornali qualche volta parlavano; che finalmente ella avesse una certa curiosità intellettuale dell’amore, forse anche un certo bisogno morale di emozioni, un inesplicabile bisogno di soffrire o far soffrire, tanto per sentir fortemente questa vita senza tuttavia porre l’altra in pericolo. Mi disse infatti che se volevo amarla con un affetto contenuto dal dovere non poteva vietarmelo, ma che saremmo stati infelici ambedue. Ell’avrebbe anche il rimorso di allontanarmi dal matrimonio, così desiderabile a me, rimasto senz’altri parenti che un fratello ammogliato; e l’età mia non pativa lunghi indugi. Più mi confortava a staccarmi da lei, più resistevo, più mi sentivo legare e stringere.

Che anno infelice fu quello per me! Qualche volta m’illudevo di amare la signora, e allora m’irritavo di trovarla sempre così rigida e sicura nella sua virtù, così padrona di sè. Molto più spesso mi sentivo freddo e soffrivo di esser falso, soffrivo delle esigenze di lei che, dicendosi gelosa della mia musa, avrebbe voluto regnar sola nel mio intelletto, ispirarmi secondo le sue idee e le sue inclinazioni. Non difettava d’ingegno nè di coltura, ma se tra me e Lei, cara amica,