Pagina:Il Mistero del Poeta (Fogazzaro).djvu/291

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

il mistero del poeta 287



XXXIII.


Non cercai di veder Violet al suo arrivo. Dal momento in cui mi scrisse «cedo» mai mai cosa alcuna mi fu più dolce che obbedire a un desiderio dell’amica mia, contrario al mio egoismo, ai desiderî miei. Io spero avere così amata una tale creatura, avere così usato un tal dono di Dio il meno indegnamente possibile. Solo mi permisi di andare verso le sei della mattina, allo sbarco del vaporetto che corre continuamente fra Bingen e Rüdesheim, essendo sicuro, per la lettera di Violet, ch’ella non sarebbe arrivata così per tempo. Mi trattenni colà un’ora a godere profondamente, ma tranquillamente, il momento futuro in cui sarebbe pas-