Pagina:Il Mistero del Poeta (Fogazzaro).djvu/313

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

il mistero del poeta 309

mi rispose dolcemente: — No, caro, no. — E perchè io la guardavo come aspettando le sue ragioni, riprese che avrebbe tante cose a dirmi ma che quando era con me diventava incapace di ricordarle, incapace di ragionare. Preferirebbe scrivere. Appena detto così sorrise, e intesi subito a cosa aveva pensato. Ella mi lesse in viso e s’affrettò a dirmi che stavolta non si trattava di cose amare come a Belvedere, dove m’aveva annunciata la sua prima lettera colla stessa frase. La pregai di scrivere presto.

Promise di farlo la sera stessa.

Io pensavo a ciò che direbbe in questa lettera, e credo d’aver preso involontariamente un’aria grave. Allora fu lei che mi disse — I kiss you — e soggiunse con un delizioso accento di angustia:

— Non devi fare un viso così serio!

La signora Steele veniva verso di noi e in quello stesso punto passò una bambina, recando dei fiori. Violet la chiamò, come per dissimulare all’amica sua il nostro turbamento. — Che fiori hai? — diss’ella.

— Waldmeister.