Pagina:Il Mistero del Poeta (Fogazzaro).djvu/323

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



XXXVIII.


Rientravamo in giardino dal passeggio.

— Perchè mi ami? — diss’ella. — Ancora per il sogno?

— No no — risposi ridendo. — Per i sogni... La prego di dire per i sogni, signorina... capisco adesso che non L’ho amata mai.

— Questo? — esclamò Violet sorpresa, ma con un viso felice. — Allora Lei mi ha indegnamente ingannata, gentile signore. Lei mi ha recitato una perfetta commedia a Belvedere con quelle belle frasi sulla mia voce, la vita e la speranza. Ma bravo! E quando mi hai fatto l’onore di cominciare a volermi bene?

— Non ti ho mai ingannata un momento — replicai — ma credo di essermi ingannato io