Pagina:Il Mistero del Poeta (Fogazzaro).djvu/331

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

il mistero del poeta 327


Sentii che avevo baciato i capelli non di un’amante, ma della cara compagna mia, congiunta a me da un sentimento sacro e solenne cui erano oramai indifferenti la gioventù, la bellezza e tutto quello che passa.

Scrissi nel portafogli:


Fairyland.


In un paese d’incanto
Passo una selva profonda;
Sospiro e immagino intanto
Dove la fata si asconda.

Or geme il bosco ed or tace
Ora si rischiara, or s’oscura;
Riposa immobile in pace,
Spande la inquieta verdura.

Stupido io miro la via
Che sale, gira e si perde;
Vorrei saper dove sia
Più scuro e segreto il verde,

Perchè se dai passi miei
Colà rifugge turbata,
Chetar co’ baci vorrei
La bionda timida fata.

E se la via m’è straniera,
E se mistero m’è il bosco,
Forse nell’ombra più nera
Le fini labbra conosco.