Pagina:Il Mistero del Poeta (Fogazzaro).djvu/364

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
360 il mistero del poeta

possibile. Dopo il matrimonio v’era solo questo di fissato: che a mezzo ottobre si andrebbe a Roma per passarvi almeno l’inverno, salvo a stabilirvici definitivamente se così ci piacesse dopo la prova di qualche mese. Dal 25 agosto a mezzo ottobre tutto era incerto. Violet mi parlò una volta della Selva Nera, d’una casina solitaria su le praterie ondulate, presso all’azzurro Danubio, fra Willingen e Donaueschingen. Io le proposi Venezia ed ella accettò subito, non solo per compiacermi, disse, ma anche per civetteria, perchè in Venezia, grazie alla gondola, mi sarei accorto meno della sua imperfezione. Soggiunse ch’era contenta di andar meco a Venezia come mia moglie, altrimenti ne avrebbe avuto paura, tale era l’impressione strana che ne serbava. Non volle spiegarsi di più; pretese di aver detto anche troppo; poi mi appoggiò il viso ad una spalla e mormorò che si sarebbe spiegata a Venezia. Più volte dopo la sua morte ricordando ciò che quelle parole e quel tocco leggero, quell’alito caldo alla spalla mi avevan fatto sentire, pensai che Iddio separandoci così presto ne volesse preservare dall’accecamento d’una pas-