Pagina:Il Mistero del Poeta (Fogazzaro).djvu/397

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

il mistero del poeta 393

cinque minuti. Il viaggiatore tornò a dormire. Violet, che aveva pure guardato dal finestrino, si appoggiò daccapo a me e mi domandò se all’indomani, posto che ci fermassimo a Stuttgart, doveva metter lo stesso costume o se avrei preferito l’abito di lana bianca a risvolti di velluto bianco che avevo ammirato moltissimo. Stavo per risponderle quando una testa si levò improvvisamente nel vano del nostro finestrino, vi restò un attimo e ridiscese. Riconobbi l’uomo, scattai avanti stringendo forte le mani di Violet che si voltò di botto. Colui era già scomparso.

— Cosa c’è? — diss’ella,

— Niente — risposi.

— No, c’è qualche cosa, dimmi cosa c’è.

Ella mi aveva veduto in viso un lampo di sorpresa e di collera e non voleva credermi. Non eravamo soli, quindi non poteva interrogarmi con l’impeto che aveva in cuore; mi stringeva il braccio e mi ripeteva piano, in inglese: — Dimmi, dimmi. — Replicai che avevo creduto veder muoversi qualche cosa nella notte, ma che non era stato niente.

Violet non mi disse più nulla; tuttavia mi