Pagina:Il Mistero del Poeta (Fogazzaro).djvu/398

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
394 il mistero del poeta

guardò con uno sguardo appassionato come se temesse ancora. Le parlai dell’abito di lana bianco nel quale desideravo vederla l’indomani, e del cappellino di panama a tese piane, col nastro di raso bianco, che le andava a meraviglia con quell’abito. Non ebbe una parola nè un sorriso e continuò a guardarmi come prima. A un tratto mi prese il braccio a due mani e mormorò, sempre collo stesso sguardo:

— Non ingannarmi mai.

I nostri due compagni dormivano; mi chinai e baciai con tutta l’anima la diletta moglie mia che non intese, stavolta, il senso del mio lungo bacio e tornò serena, si appoggiò ancora alla mia spalla, sorridendo!

Un altro treno ci passò accanto e il nostro si mosse. Arrivammo in un quarto d’ora a Biebrich dove avviene lo scambio per Wiesbaden. Sentivo di dover impedire che Violet vedesse quest’uomo, che si accorgesse della sua presenza; e poichè sfuggirgli era oramai impossibile, non restava che cercar di lui, imporgli di non perseguitarci. Perciò discesi, dicendo a mia moglie che sarei tornato subito.