Pagina:Il Mistero del Poeta (Fogazzaro).djvu/46

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

l’onda. Tutto tacque in me; mi trovai tranquillo, ma senz’altra coscienza che del momento presente.

La nuova venuta sedette in faccia all’amica sua. Mostrava un venticinque anni, era alta, bionda, aveva una fine fisonomia delicata, due occhi quieti che parevano veder poco e somigliavano alla sua voce per la soavità leggermente fioca, come per l’intima espressione d’intelligenza; la mano piccola e bianca aveva una simile espressione. Mi colpì un anello d’oro, liscio, all’anulare della mano sinistra.

Ella non mi guardò neppure e si mise a parlare con l’altra signora. Sorrideva deliziosamente, e, quando sorrideva, era una musica così tenera! Intesi che domandò notizie di un disastro avvenuto la notte sul lago. Io solo ne avevo. Era infatti scoppiato, dopo la mezzanotte, un temporale furioso, e un comball carico di sabbia si era sommerso con gl’infelici barcaiuoli. Colsi la buona occasione e tentai di raccontare la cosa in inglese. Ella mi guardò un po’ sorpresa e mi rispose qualche parola nel più puro italiano, mortificandomi così alquanto; poi fece atto di rin-