Pagina:Il Mistero del Poeta (Fogazzaro).djvu/47

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

il mistero del poeta 43

graziarmi con un leggero cenno del capo, con uno sguardo serio e benevolo; e riprese il suo dialogo con l’amica. Allora uscii, contento di quello sguardo, non senza, però, una penosa trepidazione, un dubbio nuovo. Mi pareva di amare già e che ella non somigliasse a nessun’altra donna; che la sua bellezza, quasi chiusa agli altri, dovesse riuscire squisitamente singolare e varia per un amante; che anche l’anima sua avesse un tal velo, un tal segreto. Ma era libera? Mi potrebbe amare? Questo era il dubbio nuovo e l’affanno. Mi succedeva come quando immagino una composizione artistica e me ne innamoro nella fantasia, che poi trovandomi la penna in mano e un foglio bianco davanti, mi assalgono mille dubbi e scoramenti.

La rividi più tardi sotto gl’ippocastani dove stava sola, leggendo. Io guardavo, a due passi da lei, con l’eccellente cannocchiale dell’albergo, ora le torri del mio scoglio, ora gl’imi paeselli, ora un vapore che pareva immobile sull’acqua verde, ora la città di Lugano, dove si potevano distinguere le persona sui quai. Guardavo solo per starle vicino, pensando sempre come le po-