Pagina:Il Mistero del Poeta (Fogazzaro).djvu/48

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
44 il mistero del poeta

trei parlare. Ella chiuse un momento il libro. Allora le offersi, stavolta in italiano, d’indicarle il posto ov’era affondata la barca di sabbia. Accettò molto cortesemente e, posato il libro, si alzò, venne alla ringhiera che cinge quella specie di bastione coronato dagli ippocastani. Osservai che il suo passo era un poco incerto; che la sua gamba sinistra era un poco intorpidita. Forse anche il braccio sinistro non aveva il vigore dell’altro. Me ne sentii a un tratto il cuore tanto più tenero per lei; e non voglio cercare perchè me ne sia venuta insieme una gioia di speranza. Ella intese prontamente che conoscevo i luoghi, e aveva incominciato a domandarmi nomi di paesi e di montagne, quando un cameriere dell’albergo venne a dirle:

— Il signore La desidera subito.

Trasalii. Sul suo viso passò, malgrado lei, un’ombra fugace di malcontento, e poi, quando se n’avvide, un lieve rossore. Si scusò con una parola gentile e partì, lasciandomi più felice e più turbato che non posso dire. Il signore! Chi era questo signore? Qualche cosa d’indefinibile nell’aspetto, nei modi di lei, l’anello, i pendenti