Pagina:Il Politecnico.djvu/2

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search




Sotto un titolo che ad alcuno sembrerà per avventura ambizioso, noi divisiamo annunciare la più modesta delle intenzioni, quella cioè di appianare ai nostri concittadini con una raccolta periodica la più pronta cognizione di quella parte di vero che dalle ardue regioni dell Scienza può facilmente condursi a fecondare il campo della Pratica, e crescere sussidio e conforto alla prosperità comune e alla convivenza civile.

Desiderosi di pur giovare anche nella debolezza dei nostri studj: obbedienti alla voce del secolo che preferisce allo splendore delle teorie i pazienti servigi dell’Arte: persuasi che ogni scienza più speculativa deve tosto o tardi anche da’ suoi più aridi rami produrre qualche insapettato frutto all’umana società: noi intendiamo farci quasi interpreti e mediatori fra le contemplazioni dei pochi e le abitudini dei molti.

La Scienza ama rivolgersi astrattamente alla Scienza; ama parlare un alto e sdegnoso linguaggio; ella oltrepassa le verità già publiche e mature