Pagina:Il Sofista e l'Uomo politico.djvu/117

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
106 Il sofista.

Socr. Su questo: se tutte queste cose le contano come una sola, o come due, o, poichè tre sono i nomi, distinguono anche tre specie e ne attribuiscono una a ciascun nome.

Teod. Nulla toglie, credo io, che egli ce lo [B]spieghi. O come dovremo dire, o forestiero?

For. Così, o Teodoro. Nulla toglie infatti, e non è difficile dire che li ritengono tre. Ma uno per uno definirlo chiaramente che cosa è, non è impresa piccola nè facile.

Teod. Ebbene, per combinazione davvero, caro Socrate, hai toccato dei discorsi molto simili a quelli su cui anche noi prima di venir qui l’avevamo interrogato1. Ed egli anche allora con noi pretesseva la scusa medesima che con te ora: chè quanto ad esserne abbastanza informato egli pure lo ammette, e non dirà di essersene scordato.


II.


[C]Socr. Non voler dunque opporci un diniego, o forestiero, per la prima grazia che ti chiediamo. E dinne intanto questo: t’è più caro di solito disserire da te solo con un discorso continuo su ciò che tu voglia dimostrare a qual-



  1. Anche nel Timeo, p. 20 C, si accenna ad un discorso antecedente come preparazione e anticipazione dell’attuale.