Pagina:Il Trentino.djvu/158

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

V. — Le acque: fiumi e torrenti; sorgenti minerali; ecc. 139


declivio di 61 m. per 1000 nel territorio trentino, e di 10.5 nel territorio veneto, gli danno un’importanza tanto grande, da doverlo considerare come un ramo superiore della Brenta, e fa meraviglia che esso non abbia dato il suo nome anche al corso medio e inferiore della valle. C’è del resto un motto degli abitanti di quei paesi, che chiaramente indica questa condizione di cose e suona:

La Brenta non la savia Brenta
Se ’l Cismon no ghe des na spenta.

La valle, che la Brenta percorre dopo la confluenza col Cismone fino a Bassano (129 m.) (lunga Km. 29; medio declivio m. 3.1 al Km.), è detta Canale di Brenta ed è incassata fra le pareti dell’altopiano dei Sette Comuni e le pendici del M. Grappa, dalle quali riceve pochissimo contributo di acque.

Uscito dalle Alpi, corre ora allargando fino ad un Km., come in vicinanza di Bassano, or restringendo a pochi metri il suo letto (a Limena è largo in media 80 m.), con una pendenza non mai superiore ai 3 m. per 1000 fino a Stria (11 m.), dove si divide in due rami, uno dei quali sbocca nella laguna veneta presso Fusina (1.25 m.) e l’altro si perde nelle valli di Rancaro, d’inferno, Pascolon e Conche, rimontando fino a Codevigo il flusso marino.

Presso la foce il suo corso è lentissimo (pendenza: 0.35 m. per Km.; velocità: m. 0.85 per m. s.) ed è in relazione con una quantità di canali, che servono in parte per l’irrigazione e in parte per la navigazione.

La lunghezza complessiva della Brenta è di 208 Km. e la sua media pendenza generale di m. 2.85. La sua portata, secondo le osservazioni fatte a Stra e Sandon, è di mc. 138.84 al m. s., la minima discende a me. 25, la massima sale a me. 1036.

In nessun punto la sua pendenza supera gli 8 m. al Km., eppure la Brenta è uno dei fiumi più rovinosi e più violenti nei periodi di piena per effetto dei suoi affluenti alpini, che hanno tutti enormi pendenze. Abbiamo dato alcuni elementi del Cismone; non molto dissimili sono quelli che spettano