Pagina:Il Trentino.djvu/292

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

xii.Statistica economica: agricoltura; selvicoltura; ecc. 269

Nel distretto di Rovereto sopra 4367 possessioni, solo 3 erano più grandi di 25 ettari; 180 erano fra 2.5 e 25 ett.; 210 fra 0.5 e 2.5; il resto (.3974) sotto 0.5 ett.

Nel distretto di Riva 211 possessioni aveano meno di 0.5 ett. di superficie; 140 erano fra 0.5 e 2.5 ett.; 70 fra 2.5 e25; una sola stava fra i 25 e i 50 ett.

Nel distretto di Borgo si aveano 26 possessi sopra i 400 ett.; 12 fra i 250 e i 400; 6 fra 150 e 250; 3 fra i 100 e 150; 36 fra 25 e 100; 1492 fra 2.5 e 25; 4507 fra 0.5 e 2.5; parecchie migliaia infine fra 10 e 50 mq.

Nei distretti di monte il frazionamento della proprietà fondiaria coltivabile è ancor maggiore: a Tione si aveano 48 possessioni dai 100 ai 400 ett.; 10 fra 50 e 100; 24 fra 25 e 100; 173 fra 5 e 25; 773 fra 2.5 e 5; 4400 fra 0.5 e 2.5; circa 10.000 sotto 0.50 ettari.

Nel distretto di Cles si aveano 46 possessioni sopra i 400 ettari; 32 fra 250 e 400 ett.; 31 fra 150 e 250; 24 fra 100 e 150; 71 fra 25 e 100; 2494 fra 2.5 e 25; 6885 fra 0.5 e 2.5; 12093 sotto 0.5 ett.

Nel distretto di Cavalese si aveano 30 possessioni maggiori in superficie di 400 ett.; 6 fra 250 e 400; 9 fra 150 e 250; 7 fra.100 e 150; 2 fra 50 e 100; 11 fra 25 e 50; 154 fra 10 e 25; 390 fra 5 e 10; 639 fra 2.5 e 5; 1381 fra 1 e 2.5; 1334 fra 0.5 e 1.0; 3753 sotto 0.5 ettari.

Nel distretto di Primiero si aveano 16 possessi sopra 400 ettari; 3.fra 250 e 400; 4 fra 150 e 250; 4 fra 100 e 150 1 fra 50 e 100; 6 fra 25 e 50; 79 fra 10 e 25; 195 fra 5 e 10; 370 fra 2.5 e 5; 688 fra 1 e 2.5; 651 fra 0.5 e 1.0 2407 solito 0.5 ettari.

Abbiamo già accennato alla diminuzione del numero dei piccoli proprietari dall’80 al ’90; non si può però d’altra parte asserire che questo avvicendarsi della piccola proprietà dialuogo alla formazione di latifondi. Tolte poche plaghe fertilissime nella Val d’Adige e nella conca d’Arco, negli altri luoghi, sulle pendici dei monti e negli altopiani, cui fanno corona le nevose montagne, la terra è così aspra che non rende il necessario sostentamento se non a chi la lavora colle proprie braccia, ed esclude assolutamente il parassitismo di intermediari.