Pagina:Il cavallarizzo.djvu/176

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LIBRO SECONDO 86

v’è nota) vi vò dare, che anchorche riteneste nel corso il cavallo di modo, che desse della croppa in terra: dipoi come il cavallo havrà presta libertà, & securezza sopra la briglia, & sarà riscaldato nel corpo, pur se n’andrà; & se non del tutto, almeno vi trasporterà assai più del devere, & vi calcherà forte la mano. Per il che se gli romperà in alcun modo la bocca & il barboccio, overo incalliranno: il che non sarà men nocevole poi, che la rottura. Non vo tacervi questo, ch’io lessi già, essend’io giovine molto nelle vanità delle scienze di Cornelio Agrippa, & nella sua occulta filosofia, le quali hora sono, ma allhora non erano prohibiti, che se uno facesse fare un morso d’un ferro, che havesse ammazzato un’huomo, & li scrivesse sopra non so che caratteri, osservando nel fabricarlo certe hore determinate de’ pianeti, con questo dipoi ritenerebbe, secondo lui, ogni sboccatissimo cavallo: e di pazzo, lo farebbe divenire savijssimo. Ma perchè queste sono cose dette vanamente, & ribattute dalla nostra santa madre Chiesa Romana, del tutto le ributteremo, & discacciaremo ancora noi.


Cap 38. Morso per cavallo che cavi la lingua.


Il cavallo suol portar la lingua fuori, ò per haverne che gli n’avanza, ò perche il morso, che porta non se gli conviene. Però quando havrete visto, che con morsi giusti non potete rimediar à tal diffetto, siate sicuro, che ha lingua d’avantaggio, & perciò ne gli farete tagliar tanta, quant’è quella, che cava fuori: & siate sicuro che non gli farete male alcuno, & che prestissimo guarirà. Con morsi li rimediarete con le montate più larghe, & alte dell’ordinario, & intendo in questo luogo per montata il chiapone, over quadro intiero di sopra, al quale accomodarete una cazzuola che di sopra venghi in giù à trappassare un dito fuor dell’aperto del chiapone, la qual cazzuola si vadi allargando in tal luogo piu del chiapone un grosso dito, & si rivolti verso la lingua facendo un poco di vacuo nel rivolto à modo di conchetta. Quei rampini che per tal cagione si sogliono mettere, non li laudo, perche offendono: lauderei bene un quadro tutto pieno di paternostrini, il quale fosse anco attraversato da una stanghetta nel mezzo, anc’essa piena di paternostrini simili. Overo il chiapon riverso, pur così pieno, & con la stanghetta medesima che lo attraversasse, se però il palato di sotto, & la natura del cavallo lo comportasse. I paternostrini si metteno per cavallo di bocca, & lingua insippida: & la cazzuola per cavallo di bocca fresca. Ma se il cavallo la gettasse dalle bande di sopra’l morso usarete i filetti pieni pur di paternostrini ataccati dal chiapone nel luogo della siciliana, & più alti ancora. E si potrebbe ancora quando il cavallo fosse di poco squarcio di bocca, accomodare dalle bande del chiapone over quadro, alcune pontette aguzze: le quali farebbeno, che il cavallo