Pagina:Il cavallarizzo.djvu/93

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

DEL CAVALLARIZZO

chi li faceste riconoscere la bardella, & la striglia destramente; che ben con una canna lunga in mano toccandoli pian piano, accarezzandoli se assecureranno. Et il dì seguente facendo il medesimo glie la faceste mettere, & sentire sul dosso col sopracegno lento lento: senza croperino. Vorrei anco, che sopra al capestro lungo che tiene gli faceste mettere il capezzone destramente, che fusse di corda; et così lasciarlo, & assicurarlo un gran pezzo. Il che medesimamente farete per tre dì continui, di poi lo farete pigliare da uno, & meglio sarà il suo curatore medesimo, per il capestro lungo che tiene, salito però, sopra cavallo piacevolissimo, & ben saria, che fosse l’istesso che nella stalla gli dimora appresso; e menandolo seco per spatio d’un’hora l’usasse à caminare di passo, & di trotto volentieri, & accarezzandolo di volta in volta, se lo facesse accostar tanto, che lo potesse grattar nel collo, over toccare. Il che vorrei fosse fatto per dui, ò tre dì continui. Che così assicurato, di poi si potrà più facilmente cavalcare. Et questo per hora basti, s’io gl’aggiungo, che à me piace usar piu questa strada, che quell’altra di aspettar tanti & tant’altri giorni per assicurarli all’esser domi. Pur chi vuol anco dipoi che saranno presi al laccio, & posti in stalla aspettar à far quello, che s’è detto della bardella, & del resto; & andar pian piano con più lungo tempo assicurandoli; lo potrà fare, & farà bene. Il gran Marchese di Mantoa padre vero della cavalleria, della militia, per far che i suoi poledri fossino più commodamente attesi, governati, & ammaestrati, fece fare un bellissimo alloggiamento, & stalla nella campagna & prati dove teneva quelli à pascolare, dalli quali pascoli presi li conducevano facilmente in istalla. Et ivi comodamente albergavano cavalcatori di bardella, maestri di stalla, marescalchi & altri. Ne credo si trovi ne la piu commoda ne la piu bella casa e posessione (quadripartita) & prataria irrigata di acqua bonissima di questa, à questo effetto. Io l’ho vista, & ho vist’anco il mazzone, e da questo à quella io non trovo comparatione alcuna: sì per l’edificio commodo & bello, come anco per tutte le altre conditioni, & parti, che si richiedono nel governo magnifico d’ogni sorte di poledri. Alla quale ancor hoggi si fa attendere molto bene da i Duchi & Signori di Mantoa medesimi. Resta sol ch’io vi dichi un’altra cosideratione che devete havere ne i poledri tanto in campagna, quanto in istalla, domi, & non domi; & è questa che devete considerare se dall’essere piacevoli, & quieti si fanno subito concitati, & inquieti, & da concitati & inquieti diventano piacevoli, & mansueti. Imperò che tali si ritrovano à tutto quello, che fa di bisogno molt’atti et buoni, & alle fatiche & guerre patientissimi.