Pagina:Il diavolo.djvu/466

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
456 Indice
― Zoologia diabolica. ― Diavoli che si appropriano corpi morti ― Aspetto pernicioso dei diavoli. ― Peccati diabolici. ||
 Pag. 37


Capitolo III.

Numero, sedi, qualità, ordini, gerarchia, scienza
e potenza dei diavoli.

Diecimila bilioni di diavoli. ― Diavoli nell’aria, diavoli nell’inferno. ― Ordinamenti sociali e divisione del lavoro. ― Monarchia infernale. ― Intelligenza diabolica. ― Ciò che sanno i diavoli. ― Ciò che possono i diavoli. ||
 69


Capitolo IV.

Il diavolo tentatore.

Ragioni, condizioni, modi, tempi e luoghi della tentazione. ― La tentazione semplice. ― La tentazione composta e sceneggiata: sant’Ilarione. ― La tentazione amorosa. ― Confessione di san Gerolamo. ― Caso doloroso di un santo monaco, che cessò d’esser santo. ― Avvedimento di san Benedetto. ― Altre tentazioni e trappole. ― Credulità del monaco Erone. ― Dabbenaggine di un povero giovine che andò in pellegrinaggio a San Giacomo di Gallizia. ― Accortezza di san Martino. ― Storia terribile di un eremita, di un gallo e di una gallina. ― Tentazioni laboriose e lunghe. ― Il diavolo frate e abate. ― Tentazioni indirette e tortuose. ― Concilio diabolico. ― Rimedio contro le tentazioni. ||
 101