Pagina:Il diavolo.djvu/468

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
460 Indice
― Il prete di Bonna. ― Figliuoli del diavolo. ― Gli unni, Caino, Attila, Teodorico ― Il mago e profeta ― Merlino. ― Roberto il Diavolo ― Ezzelino da Romano. ― Lutero. ― L’Anticristo. ― I figliuoli di Goffredo Plantagenet e di Baldoino conte di Fiandra. ― Figliuoli adottivi e avventizii del diavolo. ― Il diavolo e l’esattore. ||
 185


Capitolo VIII.

I patti col diavolo.

Perchè e come si tacessero. ― Scritture vergate col sangue. ― Storia di un servo innamorato. ― Storia del ricco Antemio. ― Storia del buon ― Teofilo. ― Storia del dotto Gerberto, che fu papa con l’ajuto del diavolo. Altri papi che si vendettero al diavolo. ― Perchè Cecco d’Ascoli non abbia potuto scampare dal rogo. Come sia mal fatto fidarsi atte parole del diavolo. Esempio notabile narrato da san Pier Damiano. ― La bellissima e terribile storia di Fausto. ― Probità dello scellerato Twardowsky ||
 221


Capitolo IX.

La magia.

Di quante maniere fosse. ― Ragioni di essa. ― Scuole in cui s’insegnava. ― La evocazione del diavolo; suoi pericoli. ― Esempii di un prete anonimo e di uno scolare di Toledo. ― Caso narrato da san Gregorio Magno. ― L’ultimo dei Carraresi. ― Il libro magico. ― Diavoli prigionieri. ― Maghi maggiori e minori. ―||