Pagina:Il diavolo.djvu/471

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Indice
― Re Dagoberto. ― Carlo Magno imperatore. ― Enrico III. ― Il contrasto nella forma più semplice. ― Zuffa tra celesti e infernali. ― Fra due litiganti il terzo spasima. ― Battaglia campale. ― Satana e la Vergine. ― Dialettica satanica. ― Il diritto di Satana. ― Il processo celeste. ― Storia di san Cristoforo. ||
 363


Capitolo XIV.

Il diavolo ridicolo e il diavolo dabbene.

Diavolo popolare. ― Bruttezza ridicola. ― Diavolo mattacchione. ― Diavolo rimminchionito. ― Inganni e frodi che gli si fanno. ― I diavoli nei Misteri. ― La magia derisa. ― Profumato racconto di Benvenuto Cellini. ― Gli angeli neutrali. ― Il diavolo servizievole. ― Riconoscenza diabolica. ― II servitore del conte Eleno. ― Altri esempii. ― Il diavolo credente. ― Il diavolo galantuomo. ― Astarotte e Farfarello. ― La conversione del diavolo. ― La confessione del diavolo. ― Il diavolo impenitente. ||
 395


Capitolo XV.

La fine del diavolo.

Il diavolo muore, il diavolo è morto. ― Cagioni e sintomi. ― Affinarsi del sentimento religioso. ― Affinarsi della morale. ― La scienza. ― Satana simbolo. ― L’opera di Cristo è compiuta. ||
 431