Pagina:Il diavolo.djvu/6

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
vi

Narro e descrivo assai più che non ragioni, e credo d’aver fatto bene, e che di ciò tu m’abbia a dare piuttosto lode che biasimo. Assai volte, riportando quelle innumerevoli tresche, mariolerie e meraviglie diaboliche, e le credenze e le superstizioni, e i sogni di cui si pascevano quelle anime dei padri nostri, intenebrate di paura e d’ignoranza, avrei potuto indicare i fatti fisiologici e psicologici d’onde il tutto deriva, e dissertar serrato, e farmi onore; ma coloro pe’ quali io voleva scrivere, o non m’avrebbero inteso, o presto si sarebbero stancati d’intendermi. Mi venne in mente ciò che fanno i marinai soprappresi dalla burrasca, quando, per salvare una parte del carico, buttano in mare l’altra; e, un po’ a malincuore, imitai il loro esempio.

Qualcuno potrebbe dirmi: perchè hai tu scritto di un vano fantasma? perchè non piuttosto di cose vive e reali? e confesso che questa medesima domanda fec’io più d’una volta a me stesso. Ricordo giorni in cui rimasi come sgomento in pensare che il diavolo, il formidabile re dell’abisso, la cagione di tante cadute, di tanti dolori, di tanti terrori, l’oggetto di tanti ragionamenti, di tante dispute, di tante dottrine, colui per cui furono versati fiumi di sangue e d’inchiostro, non esiste, non è esistito mai, più inconsistente della nebbia, più vano dell’ombra. E mi parve doloroso e stolto far di quel nulla un libro.

Ma poco duravo in quei pensieri, e di non esserci durato mi applaudo. Chi segna il limite che separa la vita dalla morte, il reale dal