Pagina:Il dottor Antonio.djvu/176

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
172 il dottor antonio

e sottomettere ogni carattere d’uomo per quanto sia rozzo e ribelle. Quelli sui quali spira il tuo tepido fiato, cedono a te. Molti a te sono venuti con odio e con diffidenza colla lancia in resta; ma non appena gustarono il latte soave del tuo seno, che gittate a terra le armi ti hanno benedetta, e chiamata «madre.» È piena la tua storia di tali conquiste; Terra madre e di grandi bellezze e di grandi dolori!

Sir John si assise tacito e pensieroso. Lo sguardo intento di Lucy pareva volesse leggere ne’ suoi pensieri più intimi; e fu con ansia e tremore che aspettò il risultato della sua cupa meditazione. C’era nella fronte del Baronetto un cipiglio — il cipiglio di un uomo che non sa leggere chiaramente nella propria intenzione. Finalmente apparve la luce che gli mostrò l’inconvenienza di lasciar Bordighera allora proprio. La sua collezione di piante per Davenne non era ancora completa. Realmente la salute di Lucy era di tanto migliorata, che sarebbe stato una crudeltà l’andarsene senza alcun bisogno urgente. E poichè Aubrey non poteva trovarsi in Londra prima della fine di agosto al più presto, tanto valeva lasciar godere a Lucy più a lungo fosse possibile quell’aria a lei conveniente. Giunto a questa conclusione, l’aspetto suo si ricompose, e rischiarossi come quello di un uomo che ha sciolto un enigma.

— «Alla fine dei conti,» disse levandosi, «è piacevole sapere che possiamo andarcene quando ci pare. Ma non veggo ragione alcuna di partire immediatamente, come il dottor Antonio propone; a meno che la mia diletta non lo desideri anch’ella.»

— «Oh, no, papà! restiamo, vi prego, un altro poco,» rispose Lucy con calore; «stiamo tanto bene qui.»

— «Oh! bene! bene!» mormorò il Baronetto con un misto comico di ritrosia e di soddisfazione; «per parte mia confesso di non vederlo questo gran bene, a meno non sia tale ai vostri occhi la prospettiva di esser bruciati vivi in questa fornace di paese, come accadrà fra pochi giorni. Comunque, prima che faccia troppo caldo, felicemente ce ne saremo andati.»

Sir John involontariamente sospirò. Riconciliato pienamente con sè stesso da questa piccola tirata, lasciò la sala senza sospettare che la sua figlia avesse anch’ella sospirato dal fondo del suo giovane ed innocente cuore, al pensiero di lasciar l’osteria. Sir John non faceva eccezione alla regola, per la quale i babbi e le mamme hanno precisamente quella sorte di vista che distingue al chiaro gli og-