Pagina:Il dottor Antonio.djvu/313

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Væ victis. 309

valgano punto in questo mondo. Fra uomini del carattere pubblico di un Poerio, di un Settembrini, di un Pironti — fra nomi storici come quello di un Caraffa, — fra gentiluomini della educazione e della ricchezza di un Nisco, di un Gualtieri, di un Braico, ecc., — fra dignitari ecclesiastici della sorta di un arciprete Miele; recluta l’anarchia i suoi fautori, e il delitto i suoi strumenti? Che direbbe il Lettore inglese di un’accusa di tradimento, portata contro alcuni de’ più eminenti e rispettati uomini di Stato, membri principali del Parlamento britannico? Bene — gli uomini di cui ho scritto i nomi, e che vedete introdotti in quella tetra sala del palazzo della Vicaria, ammanettati e scortati da gendarmi, nella scala sociale dal loro paese tengono un posto del pari eminente, per carattere e condizione, come qualunque dei vostri uomini di Stato, Membri del Parlamento, Magistrati, nobili e popolani.

Questa è la famosa inquisizione di Stato contro la Setta dell’Unità Italiana, che strappò all’anima generosa di uno Statista inglese un grido d’indignazione, tosto ripetuto da tutta Europa. La Corte che siede è la Gran Corte Criminale, il più alto Tribunale del Regno. Non siede come Corte ordinaria, ma quale Corte Speciale affine di spedire il processo; colla qual parola, s’intende che può dispensarsi da qualunque delle forme d’immenso valore per la difesa, a piacere del suo presidente Navarro — «il delicato, scrupoloso, imparziale e generoso Navarro»1. Il dramma lugubre sta per incominciare. Lo spazio ristretto concesso al pubblico è pieno zeppo; e così pure l’emiciclo riserbato per gli spettatori privilegiati, fra’ quali vedesi una Signora coperta di fitto velo. I Giudici stanno ai loro seggi; in faccia ad essi, sopra una piattaforma elevata, seggono gli accusati. Pajono smunti e pallidi. Il luogo da cui sono stati tratti, a dir il vero, non è de’ più salubri, specialmente in quella stagione dell’anno in Napoli, nel mese di giugno. Non meno di mille trecento ottanta creature umane sono accatastate l’una sopra l’altra, senz’aria e luce, fra sozzure orribili, nelle contigue prigioni della Vicaria, ove i nostri quarantadue sono confinati. S’ha anche a tener conto di una previa detenzione per nessuno minore di dieci mesi — per molti assai più lunga, di già sofferta. Nè s’ha a dimenticare il grado conveniente di salubre disciplina applicato al corpo e alla mente, dal quale è sempre accompagnata in Napoli la carcerazione per cause politiche — un duplice trattamento per il lodevole motivo

  1. Gladstone.