Pagina:Il libro dei versi (1902).djvu/115

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
104 LEGGENDA PRIMA

Già dall’ombra ecco sbucò;

Sul terrea le ondose anella
Negre, viscide, lucenti,
Già distese e si drizzò;
Già sui piè d’Oliba bella
Pone il grifo e già co’ denti
L’ampio velo ne strappò....
Già la cinghia e già la serra,
Già l’avvince e già l’atterra
Strascinandola sul suol!
Roteante — striscïante
Già depon la smorta amante
Sovra il tepido lenzuol!
Oh spavento! in stretto morso
Su d’Oliba e su Re Orso
Si ringroppa il mostro ancor,
Già i due corpi in un serrati,
Trucemente soffocati

Urlan rantoli d’amor!


Il libro dei versi-116.jpg