Pagina:Il libro dei versi (1902).djvu/139

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
128 LEGGENDA PRIMA


Il Re sghignazzando

Esclama e tremando.
Poi lordo di bava
Si volge alla schiava:
«Tu l’occhio tien fermo

Sul capo del vermo».



Nessun più favella, — nè ride, nè liba,

L’Ebrea taciturna - sta immota a guatar,
Il bruco tramanda - viscose sozzure,...
Già cade il coltello... - già piomba la scure...
Del verme la testa - d’Oliba la testa si vedon cascar,
E rotolar per terra - insanguinando il suol!!
Il Re: Bel colpo!
I Conti: - Bel colpo! Bravo Trol!

(Ma dal giardin risuona - una mesta cadenza.

Tutti ascoltano; è il canto - del trovier di Provenza:)


O-letter.svg la luna, la luna era una mesta

L-letter.svganguida Dea!
I-letter.svgnvan per essa ardèa
B-letter.svgeliàl dimon dall’ebre voglie impure,

A-letter.svgntico mostro che l’Inferno appesta.