Pagina:Il mio cuore fra i reticolati.djvu/107

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 105 —

di baci. E singhiozzando in quella stretta di infelicità, gli mormorava:

— Piangi, piangi con me piccino, piangi come me: noi siamo tanto infelici!....

Così, quei due dolori uguali e contrari, quelle due angosce nemiche, si fondevano in un solo pianto, in un solo abbraccio inutile, quel letto che non era più un letto d'amore.

L'alba era sorta sulla città.

*

Due giorni dopo.

Franco e Mario nella Pasticceria di Aragno.

— Sei un pessimo seduttore!

— Davvero?....

— Eh sì, mio caro, in un mese non hai saputo concluder nulla.

— Fai presto tu! Come se si trattasse dell'ultima sartina di Trastevere.

— Andiamo! con tutta la libertà che ti ho lasciato! Te l'ho messa fra le braccia, sono partito, non ho dato segno di vita per quattro giorni...

— Appunto questo è l'errore. Tu non hai saputo sradicarti dal suo cuore. Ogni tentativo era inizialmente sbagliato. Invece di apparirle sotto un aspetto odioso, o almeno po-