Pagina:Il mio cuore fra i reticolati.djvu/43

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 41 —

— A proposito di donne — fece lo studente senza scomporsi — Vogliamo invitare Arbace per questa sera?

La proposta fu approvata, sebbene con relativo entusiasmo.

— Dove volete condurmi? — chiese Franco, che cominciava ad annoiarsi.

— A teatro. Alla serata d'onore della Savelli — aggiunse ammiccando — tu probabilmente sarai troppo impegnato in camerino per onorarci della tua presenza nel nostro palco.

– E perché mai?

— Ma... dio mio... sai bene che non è un mistero per nessuno....

— Che cosa?

— Che tu sei stato, o sei tuttora, un grande amico della Savelli.

— Io? Ma tu sei pazzo.

Altro coro di proteste.

— Via! Perchè negare? Non è un disonore. La Savelli è la più bella ed elegante attrice italiana. Perchè fai la signorina pudica, dal momento che questa voce insistente ti fa una réclame tutt'altro che svantaggiosa?

— Ma perché non è vero.

— Non è vero? E allora perché ti hanno visto nel suo camerino a Napoli, a Roma a Milano, a Bologna? perché si è letto sul «Carlino» un tuo articolo celebrativo sul-