Pagina:Il mio cuore fra i reticolati.djvu/50

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 48 —

conquista. Ce ne sono milioni, di donne così.

Maura era divina nella sua irritazione di donna colpita nella vanità. Le donne celebri o per la bellezza o per l'arte, sono come i poeti: provano la più grande soddisfazione nel sentir dire male di quelle altre che contendono il loro primato.

Se volete ingraziarvi una grande artista o una grande viveuse, dovete sparlare senza economia di tutte le altre del suo rango. Allora ella cercherà di attenuare sorridendo la vostra maldicenza, ma potete star sicuro che prima o poi vi getterà le braccia al collo con riconoscenza, o per lo meno vi stringerà forte forte le mani, mormorando: «Maligno, maligno! Direte così anche di me?»

La conversazione diventò vivacissima.

Franco contemplava la mondana con uno stupore crescente. Aveva creduto di dover conoscere una mediocrissima provinciale, accollata ad un uomo molto ricco ma grossolano, e invece si trovava di fronte una donna di prim'ordine, piena di spirito e di accortezza, vivace, curiosa, dall'eleganza signorile, senz'ombra di pacchianeria.

Le si riconosceva subito un temperamento bizzarro, capace della più ermetica frigidità e delle più folli esaltazioni. Ogni sua frase era un lampo di fantasia, ogni sua ri-