Pagina:Il piacere.djvu/325

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

― 313 ―

e oscena entrasse non so qual piccola figura triste, miserevole, malata, pensierosa, più vecchia, della vecchiezza d’una bertuccia tisica che si ritragga in fondo alla sua gabbia a tossire dopo aver fatto ridere la gente. Erano momenti fuggevoli. Ella si riscoteva per bere un altro sorso o per dire un’altra enormità.

E Clara Green a ripetere:

Love me to-night, Andrew!