Pagina:Il tesoro.djvu/116

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 106 —


date, è Cicchedda Brontu! — gridarono le olianesi, circondando la cavallina.

Una ragazza lacera disse: — Oh, oh, ti sei levata la crosta?

— Io sì. Levatela tu, ora! — gridò Cicchedda.

Le donne risero, ma quando si furono allontanate, la fanciulla lacera si volse e gridò:

— Ma io non vado a Nuoro per mendicare!

Cicchedda arrossì; voleva scendere e lanciar una pietra all’insolente, ma Costanza, temendo uno scandalo, spinse la cavalla al galoppo. La servetta dovette aggrapparsi forte, gridando per la paura di cadere, e quando l’acchetta riprese il solito passo, disse:

— Le vedi! Le vedi le olianesi che non possono veder nessuno a camparsi la vita! Meglio sarà — aggiunse dopo, pensandoci — meglio se mi vedranno maritata!

— Diavolo! — esclamò Costanza. — Che idee hai! Pensi di pigliar marito? È per questo che da qualche tempo stai diventando....

— Cosa sto diventando? Cosa sto diventando? — gridò ella rossa e stizzita.

— Eh, stai diventando viva! Hai grilli per la testa? Zia Agada te li caverà col manico della scopa.

Cicchedda rise, con occhi splendenti; rise anche Costanza, e un paesano dalle vesti bianche di calce, che passava in quel punto, le guardò e disse: