Pagina:Il tesoro.djvu/119

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 109 —


che si destasse troppo fatalmente dal suo stupido sonno infantile.

Ritornando, mentre percorrevano un viottolo chiuso da muricciuoli assiepati di rovi, Costanza domandò:

— Dunque, andremo dalla maga?

— Sicuramente! — disse Cicchedda, e pensò: — E non siamo venute per questo?

— E cosa le chiediamo? — fece l’altra con falsa ingenuità.

— Eh, lo sai tu cosa vuoi chiederle! — pensò Cicchedda. Poi disse: — Io le chiederò se mi devo maritare....

— Non pensi ad altro! Sei innamorata? Ti han veduta discorrere con un convittore....

Cicchedda rise, scuotendo le spalle come per dire: Che sciocchezza! ed esclamò:

— È uno studente d’Oliena: ogni volta che mi vede mi ferma, ma io non bado a lui!

— Non badi a lui? E dunque a chi badi? Con chi fai l’amore?

— Col pane! — disse l’altra ridendo. Poi s’infastidì. — Ma lasciamo questi discorsi e andiamo da zia Marta Fele.

— Bisogna esser sole ad interrogarla?

— Te l’ho detto mille volte. Hai paura tu?

— Fa del male? Mi toccherà? — domandò Costanza impensierita. — Nessuno vedrà?

— Macchè! Nessuno.