Pagina:Il tesoro.djvu/128

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 118 —


— Buona roba questa! — disse la sorda toccandoglielo.

— Eh, dicevo io!

Intanto Cicchedda, salita speditamente dalla maga, la toccava e le gridava:

— Zia Marta, zia Marta! Come state, non mi riconoscete? Sono Cicchedda, sono vostra nipote. Come siete invecchiata!

La maga, un momento immobile, muta e stecchita, riprese a batter forte il piede e la mano destra: diede dieci o dodici pugni al letto, poi molinò in alto il braccio, e se Cicchedda non si fosse tirata indietro, l’avrebbe colpita in viso. Ripresa dalle convulsioni, ricominciò a ringhiare, imprecando.

— Zia Marta — disse Cicchedda cogliendo il momento — sono vostra nipote, e sono venuta a farvi una domanda. C’è una persona che mi vuol male e mi sta sempre insultando. Ogni giorno. Cosa devo fare perchè non m’insulti più?

— Va al diavolo! — gridò la maga. — Va al diavolo!

— Andateci voi! — gridò Cicchedda. — Voglio che mi rispondiate. Eh, non siete con quella nuorese, ora, siete con me, con Cicchedda Brontu, vostra nipote. Rispondetemi, altrimenti vi batto!

— Bisogna far così, poveretta! — pensò. — Con la minaccia di batterla il piccolo risponde. Altrimenti no.

Infatti, per un fenomeno suggestivo, la maga