Pagina:Il tesoro.djvu/134

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 124 —


una specie di delicatezza signorile, che spiccava vieppiù accanto alla ruvidità di Salvatore. In fondo lo zio era più di buon cuore, ma si mostrava duro, insolente e volgare, mentre Alessio odiava la volgarità.


VII.


Zia Agada restò grandemente mortificata ed afflitta per le risposte date dalla maga a Costanza. Tirò dal suo fuso un filo lungo come la disperazione e disse:

— È inutile! Non siamo nati per aver fortuna! — E avvolse il filo sospirando.

— Eppure nessuno mi leva di testa che Elena sappia qualche cosa. Abbiamo fatto male.

Costanza comprese ciò che avevano fatto male, e chinò la testa, guardandosi il grembiale e rimpiangendo quello dato alla sorella della maga.

Da quel momento le due donne caddero in una profonda melanconia; era troppo doloroso perdere ogni speranza. Che il tesoro esistesse ne erano ormai più che sicure, ma di ritrovarlo non speravano più; pure, in fondo, una speranza vaga, insensata, ricacciata e non confessata, restò: era la speranza dell’ignoto, di ciò che po-