Pagina:Il tesoro.djvu/271

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 261 —


che Alessio fu per slanciarsi dentro e cacciarlo via.

— Zio Salvatore! — gridò Cicchedda con ira — accadrà quel che Dio vuole, e quanto accade è nel volere di Dio. Ma se vi hanno mandato le vostre donne per insultarmi, avete fatto male a venire! E se non volevate perdere i benefizi di Alessio Piscu, non dovevate scacciarlo da casa vostra!...

— Ah, come! Ah, come! — cominciò egli a gridare, dimenandosi e andandole contro, tanto che ella si spaventò, e Domenico si mise a piangere. — Tu credi sia ciò che mi dispiace? Tu credi ciò? E credi ch’io non l’abbia scacciato perchè non potevo soffrire la sua presenza, perchè l’odiavo? E credi che non l’odiavo per amor tuo?

— Per amor mio? — diss’ella con sorpresa, fissandolo curiosamente.

— E credi tu che io non potevo provare per te gli stessi sentimenti di Alessio?...

— Ah — diss’ella con ironia — è perciò che l’odiate, allora?...

Salvatore la fissò, tacque per un momento, poi le afferrò le mani gridando:

— Guardami in volto, ragazza! Quando io ti ho mai mancato di rispetto?

— Mai, questo è vero! — rispose ella.

— Ah, lo vedi tu stessa! E credi tu che Salvatore Brindis, cattivo, matto, maligno, ti avrebbe